Archivio

Archivio Giugno 2008

Suore di clausura in visita a Paestum

3 Giugno 2008 1 commento

 

PAESTUM. Sono rimaste incantate dalla magnificenza dei tre templi dorici. Hanno seguito attentamente e in silenzio tutte le spiegazioni della guida. Hanno incuriosito molti turisti che ieri erano in visita alla zona archeologica di Paestum in occasione del primo ponte estivo. Erano 52 le suore, di vari ordini, tra cui una decina di suore di clausura, che nella giornata di ieri hanno raggiunto in pullman Paestum, dopo un viaggio di circa tre ore, per una visita grazie ad uno speciale permesso del Vaticano. Erano  accompagnate dall’abate di Montecassino don Pietro Vittorelli e dalla madre badessa Scolastica. Le suore, provenienti da conventi e chiese della diocesi di Montecassino, erano a Paestum per una visita "spirituale", prevista ogni anno al termine di un percorso di formazione spirituale che le religiose seguono all’interno della diocesi. La scelta è caduta su Paestum in quanto «unisce insieme gli aspetti più specificamente religiosi a quelli più altamente culturali» ha spiegato l’abate.

Prosegui la lettura…

Storie dal mondo: Fanno sesso in cattedrale, vescovo dispone messa riparatrice

3 Giugno 2008 Commenti chiusi

CESENA – Una messa riparatrice nella Cattedrale di Cesena, dopo che ieri mattina un uomo e una donna sono stati scoperti – e denunciati – mentre, durante la Messa delle 7, erano impegnati in un rapporto sessuale all’interno di un confessionale. Lo ha deciso oggi il Vescovo, monsignor Antonio Lanfranchi, invitando tutti i fedeli a partecipare al rito, "come riparazione al gesto sacrilego", venerdì alle 21.

I protagonisti della vicenda (anticipata dal ‘Corriere Romagna’), due ‘dark’ entrambi cesenati e incensurati, di 31 e 32 anni, sono stati scoperti dai carabinieri, chiamati da un fedele che stava assistendo alla funzione e che aveva sentito strani rumori e gemiti provenire da un confessionale. Quando i militari hanno tirato la tendina, hanno trovato i due impegnati in un rapporto orale e li hanno fatti uscire, senza che la funzione venisse interrotta. Nei loro confronti è scattata una denuncia per atti osceni in luogo pubblico, turbamento di funzione religiosa e atti contrari alla pubblica decenza.

I due avevano forse partecipato nelle ore precedenti alla ‘Notte bianca’, che si è svolta tra sabato sera e le prime ore di domenica nella città romagnola: "Siamo atei – si sono giustificati con i carabinieri – per noi fare sesso in chiesa è come farlo in qualsiasi altro posto". In una nota la Diocesi ha espresso "tutta la sua costernazione per la gravissima violazione verso le persone e verso il luogo di culto. Si tratta di un atto che offende la comunità cristiana di Cesena-Sarsina, realizzato nel luogo che rappresenta il cuore di tutta la Chiesa locale. L’oltraggio, di notevole portata, denota uno squallore inqualificabile da parte di chi l’ha compiuto e una totale mancanza di rispetto verso le persone che ogni individuo dovrebbe avere, credente o non credente che sia".

Prosegui la lettura…